“Giustizia” svizzera subordinata allo Stato torturatore spagnolo; tutt* in manifestazione!

Tema: Tutt* Liber*
Data: 13/07/2017
Di: RRN

Il Tribunale Penale Federale di Bellinzona ha respinto il secondo ricorso contro l’estradizione di Txapartegi Nekane. La decisione – resa pubblica giovedì 6 luglio – presuppone che quale sostenitrice di un’organizzazione considerata criminale dalla Svizzera (ETA – movimento separatista Basco), il reato sarebbe non estradarla. Sulle torture e le violenze sessuali subite da Nekane nei primi cinque giorni di detenzione in Spagna – sevizie durante le quali le venne strappata una confessione – il TPF afferma che non si possono dimostrare. Malgrado tali violenze siano ben’ documentate la corte si fa bastare una smentita di Madrid. La Svizzera quindi piuttosto di accusare uno Stato amico e membro della comunità europea di infliggere torture su* prigionier* politic*, preferisce essere complice e sbarazzarsi di Nekane. Tuttavia c’è ancora una possibilità di ricorso a cui la difesa della compagna si potrà appellare: la Corte di Cassazione. Si resta in attesa.

Uno sguardo critico è arrivato nel frattempo anche dall’ONU, più precisamente dal relatore sulla tortura Nils Melzer. Dalle dichiarazioni rilasciate al “TagesAnzeiger”, egli si è detto  convinto che le torture su Nekane abbiano avuto luogo e si è dichiarato intenzionato a intervenire: “Nel presente caso ci sono diversi referti medici e psichiatrici che rendono le torture credibili”. Melzer ha proseguito dicendo che in questi casi bisogna fare attenzione, è già successo che la Svizzera abbia rimandato indietro delle persone in pericolo, rendendo la minaccia reale. “Riguardo il caso di Nekane” – ha aggiunto Melzer – “non parto dal presupposto che se venisse estradata in Spagna verrebbe di sicuro torturata di nuovo. Il problema è molto più il fatto che tutto il processo imputatole si basava su dichiarazioni scaturite dalla tortura”.

Nel frattempo i movimenti solidali hanno lanciato una manifestazione di protesta contro l’ultima decisione del Tribunale Penale Federale. Si terrà sabato 15 luglio a Zurigo, ritrovo alle ore 16 a Piazza Cella (Langstrasse). Tutt* insieme per rivendicare la libertà di Nekane e di tutt* i/le prigionier* politic*!

La violenza sessuale è un motivo d’asilo!
(Foto – RRN Manif. 6.4.’17)

 

Info:
http://www.freenekane.ch/
http://rrn.tracciabi.li/it/2017/04/07/svizzera-complice-della-tortura-dello-stato-spagnolo/

Evento:
https://www.facebook.com/events/1260820250710907/?acontext={%22action_history%22%3A%22[{\%22surface\%22%3A\%22page\%22%2C\%22mechanism\%22%3A\%22page_upcoming_events_card\%22%2C\%22extra_data\%22%3A[]}]%22%2C%22has_source%22%3Atrue}

Leave a Response