Lo sciopero sul Maggiore prosegue!

Tema: Lotta di classe
Data: 25/06/2017
Di: RRN

I lavoratori e le lavoratrici della Navigazione Lago Maggiore sono in sciopero dalle 10:00 di domenica mattina. La causa sono i trentaquattro licenziamenti repentini previsti per fine 2017. Avendo atteso invano la settimana di termine – venerdì 23 giugno – posta alla dirigenza della NLM (società di Stato italiana) per fare marcia indietro, i lavoratori e le lavoratrici hanno deciso il giorno stesso all’assemblea di incrociare le braccia. Una decisione presa in maniera compatta, con la coscienza che solo uniti si potrà ottenere qualcosa. Il Consiglio di Stato ticinese, che si era limitato ad esprimere “rammarico”, sembra ora invece più propenso al dialogo. È stato chiesto infatti dal CdS un incontro con i lavoratori e le lavoratrici in sciopero per lunedì 26 giugno. Continue reading Lo sciopero sul Maggiore prosegue! →

Il G20 si avvicina – qualche considerazione

Tema: Proteste
Data: 25/06/2017
Di: RRN

Mancano meno di due settimane al G20 di Amburgo. È dal fatidico G8 di Genova che non vengono annunciate delle proteste di massa simili. Durante tutta la durata del summit sono previste almeno trenta manifestazioni, di diversa natura e provenienza politica. Come, per esempio, la dimostrazione “Welcome to hell” prevista per giovedì 6 luglio. O il blocco del porto venerdì 7 e la grande manifestazione di solidarietà “Senza frontiere invece del G20” sabato 8 luglio. Nel frattempo è almeno da tre mesi che la polizia si sta organizzando in città. Definite le diverse zone di sicurezza e i punti di controllo; zona 1 (divieto assoluto di entrata) e zona 2 (divieto di manifestare), le dimostrazioni avranno luogo / partiranno al di fuori di queste zone. Annunciati anche dal ministro degli Interni i controlli alle frontiere tedesche dentro la zona Schengen. I controlli dureranno dal 12 giugno al 11 luglio. La polizia ha comunicato inoltre che per i giorni dell’evento saranno attive circa 20’000 unità compresi poliziott* in assetto anti-sommossa, abiti civili, squadre anti-terrorismo, eccetera. Secondo alcune previsioni sarebbero invece attes* circa 100’000 manifestanti nel complesso. Continue reading Il G20 si avvicina – qualche considerazione →

34 licenziamenti – Lotta sulle rive del lago Maggiore

Tema: Lotta di classe
Data: 25/06/2017
Di: RRN

All’inizio della settimana scorsa i quattordici dipendenti fissi della Società Navigazione lago Maggiore hanno ricevuto una lettera di licenziamento, per il 1º gennaio 2018. Questo senza che nessuno abbia comunicato qualcosa alla Commissione del personale o a chi gravita intorno al servizio. Agli altri venti lavoratori stagionali (per la stagione estiva) invece non è stato detto niente, il loro contratto non verrà semplicemente rinnovato in modo tacito. Il clima è caldo, i lavoratori non ci stanno ed è stata subito organizzata – venerdì 16 – un’assemblea del personale con il sostegno dei tre sindacati di settore (SEV, Unia e Ocst). Esito? O entro venerdì 23 giungo verranno mandate dalla società di navigazione lago Maggiore trentaquattro lettere con annullamento del licenziamento e rispettiva garanzia di rinnovo del contratto stagionale, o potrebbe essere dichiarato lo sciopero. Continue reading 34 licenziamenti – Lotta sulle rive del lago Maggiore →

Scrivi a Nekane

Tema: Tutt* Liber*
Da: http://www.freenekane.ch/solidaritaet/kontakt-mit-nekane

I ricorsi contro l’estradizione di Nekane sono stati avviati. Nel frattempo però la attendono ancora lunghi mesi di prigionia. Prendete contatto con lei in maniera che senta la vostra solidarietà. A parte un’ ora d’aria al giorno e alcune ore di lavoro alla settimana è sola nella sua cella e le fanno piacere le vostre lettere, i vostri saluti alla radio. Date una mano a rompere l’isolamento, raccontatele qualcosa, intraprendete uno scambio con lei, auguratele forza!

Indirizzo:

Nekane Txapartegi
Gefängnis Zürich
Rotwandstrasse 21
Postfach
8036 Zürich

Necessario scrivere l’indirizzo completo del mittente.

Radio:

Nekane può essere salutata ogni martedì dalle 12.45 alle 13.00 tramite Radio Lora al numero telefonico 044 567 24 00 oppure inviando dei file audio all’indirizzo irener221[at]gmail.com

Visite:

Nel caso voleste visitare Nekane – scrivere all’indirizzo visitnekane[at]gmail.com

Il folgio di visita si può trovare qui: Merkblatt Knastbesuch Nekane

Lanciato il Congresso contro lo sviluppo capitalista delle città

Tema: Lotta per la città
Data: 16/05/2017
Di: RRN

Avrà luogo a Zurigo – da venerdì 26 a domenica 28 maggio presso il Koch Areal – il primo incontro internazionale con tema centrale, “la città e il suo sviluppo capitalista”. Lo scopo del Congresso, come riportato sul sito www.kongress.ga, è quello di «confrontarsi con queste dinamiche e di assumere una posizione chiara contro il concetto di sviluppo delle città calato dall’alto». «E’ chiaro che il rapporto di forza in seno al confronto nelle città sia squilibrato», così prosegue il comunicato d’invito, «proprio per questo motivo è importante per noi creare un evento dove si possa avere momenti di scambio, creare una rete e organizzarsi». L’evento è pubblico ed è rivolto tutti coloro che resistono ad apprezzamento e dislocazione.

Continue reading Lanciato il Congresso contro lo sviluppo capitalista delle città →

Occupazione in Freiestrasse; donne dietro le barricate

Tema: Occupazione
Data: 10/05/2017
Di: RRN

Nella notte tra lunedì e martedì un gruppo di donne auto-organizzate ha occupato una casa vuota al numero 134 di Freiestrasse, nel “Kreis 7” di Zurigo. Barricatesi all’interno rivendicano la libertà di “vivere lo spazio al posto di passare sempre davanti e doverlo vedere vuoto”, come riferiscono nel comunicato diffuso in mattinata sul sito barrikade.info, da noi tradotto qui in seguito. Proprietaria dell’edificio è la Interpool Consulting, azienda internazionale per consulenze in risorse umane, la quale non solo possiede il numero 134, sono di sua proprietà anche il 136 e 138, il quale è a sua volta vuoto. Come riferito nel comunicato delle occupanti, la casa ora occupata, sarebbe parte di un piano di valorizzazione, dove verrebbe prima demolita e poi sostituita da un altro edificio destinato ad affitti più alti. Continue reading Occupazione in Freiestrasse; donne dietro le barricate →

In denuncia al governo turco

Tema: Attualità/Antifascismo
Data: 04/05/17
Di: RRN

Un Primo Maggio insolito a Zurigo; se qualcuno si aspettava la classica “Nachdemo” non autorizzata al pomeriggio, questa non c’è stata, è successo invece dell’altro. Il corteo tradizionale mattutino ha raccolto circa 12’000 persone, delle quali più di un migliaio hanno marciato nel blocco rivoluzionario dietro lo striscione “Spalla a spalla contro il fascismo”. Dal blocco è stata criticata la riforma delle pensioni 2020, caldeggiata dalla socialdemocrazia contro gli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori, criticata anche la costante “gentrificazione” che schiaccia e spinge i poveri ai margini della città. Criticata pure la politica del risparmio; in segno di protesta contro l’abbattimento sociale il Municipio è stato attaccato con dei colori. Nel primo pomeriggio alla Kanzleiareal si sono svolti dei concerti, intavolato discussioni e info-points. La polizia, con la consueta presenza nelle vie del centro in assetto antisommossa e agenti in civile al fine di “pulire” le vie del centro dai “sovversivi” si è poi però persa qualcosa. Continue reading In denuncia al governo turco →

Svizzera complice della tortura dello Stato spagnolo

Tema: Tutt* Liber*
Data: 07/04/2017
Di: RRN

“Siamo scesi per le strade oggi perché la domanda di asilo di Nekane e la richiesta di non-estradizione allo Stato spagnolo sono stati respinti”, così il volantino distribuito ieri alla manifestazione “FreeNekane” a Zurigo. A esattamente un anno dall’arresto della compagna, circa 400 persone hanno marciato nel quartiere 4 della città passando per la prigione del Bezirksgebäude dove sono stati fatti degli interventi al megafono e fatto un po’ di rumore rivendicando la libertà della compagna perseguitata. Cori antifascisti e femministi sono stati scanditi con rabbia contro la decisione della “giustizia” Svizzera di consegnare Nekane nelle mani dello Stato torturatore spagnolo.

Nekane Txapartegi, giornalista, attivista politica e consigliera comunale di Asteasude, comune basco, fu arrestata inizialmente nel 1999 dalla polizia paramilitare spagnola (Guardia Civil), sospettata di essere una sostenitrice dell’ETA (organizzazione clandestina basca) venne torturata e violentata durante il periodo di “Arresto-Incomunicado” (prigionia senza alcun contatto con l’esterno, avvocato compreso). Sotto tali torture fu costretta a rilasciare delle confessioni, che smentì in seguito. Nel 2007 fuggì dalla Spagna prima di essere rimessa in carcere e raggiunse la Svizzera, dove aveva buoni contatti e l’opportunità di rifarsi dalle brutalità subite. Nello stesso anno venne tuttavia condannata dalla “giustizia” spagnola per le dichiarazioni fatte sotto tortura e sevizie, mentre queste vennero poi, come purtroppo in Spagna spesso succede, messe a tacere malgrado fossero molto ben documentate. Continue reading Svizzera complice della tortura dello Stato spagnolo →