Lo sciopero sul Maggiore prosegue!

Tema: Lavoro e Lotta
Data: 25/06/2017
Di: RRN

I lavoratori e le lavoratrici della Navigazione Lago Maggiore sono in sciopero dalle 10:00 di domenica mattina. La causa sono i trentaquattro licenziamenti repentini previsti per fine 2017. Avendo atteso invano la settimana di termine – venerdì 23 giugno – posta alla dirigenza della NLM (società di Stato italiana) per fare marcia indietro, i lavoratori e le lavoratrici hanno deciso il giorno stesso all’assemblea di incrociare le braccia. Una decisione presa in maniera compatta, con la coscienza che solo uniti si potrà ottenere qualcosa. Il Consiglio di Stato ticinese, che si era limitato ad esprimere “rammarico”, sembra ora invece più propenso al dialogo. È stato chiesto infatti dal CdS un incontro con i lavoratori e le lavoratrici in sciopero per lunedì 26 giugno.

(Foto – FB Salviamo la navigazione)

Il primo giorno di sciopero i lavoratori e le lavoratrici hanno passato molto tempo in assemblea. Hanno deciso di tenere riunioni giornaliere per discutere insieme il proseguo della lotta. Durante la giornata è giunta anche molta solidarietà, sostegno da parte di passanti e turisti che hanno incoraggiato la lotta. È stato anche fatto uno strappo alla regola. All’arrivo di un grosso battello proveniente dall’Italia con un centinaio di passeggeri a bordo, i lavoratori e le lavoratrici hanno deciso di farlo attraccare, assicurandosi tuttavia che il giorno dopo il fatto non si sarebbe ripetuto. Sul sito dell’azienda si può confermare l’annullamento delle corse con destinazione porti sul versante svizzero.

All’assemblea di domenica è stato deciso per il proseguo dello sciopero. Lunedì pranzo popolare presso il Debarcadero di Locarno e l’incontro con il CdS. Solidarietà con * scioperant*!

Leave a Response