Azione intimidatoria al Tra di Lugano

Tema: Attualità-Repressione
Data: 08/06/2018
Di: RRN

Giovedì sera verso le 21.30 decine di poliziott* hanno fatto irruzione nel Biblio-Café Tra L’altro a Lugano controllando tutte le identità de* present* e impedendo loro di allontanarsi dal locale. Tra i/le present* anche una donna incinta che si è sentita male.
Il collettivo Io l’8 ogni giorno, quella sera, aveva organizzato una riunione pubblica per discutere dello sciopero delle donne in programma il 14 giugno 2019. Inoltre, oltre alla riunione femminista, la stessa sera al Tra c’è stato anche un incontro per organizzare la trasferta a Berna in vista della manifestazione contro il razzismo prevista il 16 giugno. Casualità una retata da parte della polizia proprio in questa occasione? Continue reading Azione intimidatoria al Tra di Lugano →

Guida pratica di resistenza a lacrimogeni e pepper spray

Tema: Cultura/Proteste
Da: FreePalestineRoma

“Le indicazioni che seguono sono basate sui consigli del primo soccorso. Ringraziamo @nycHealthy ! http://bit.ly/ex5J23”

La prima cosa che devi ricordarti rispetto all’esposizione a queste armi chimiche è che non è la peggior cosa che può capitarti. La mistificazione e la paura che le circondano è enorme, ma in realtà, se sei attento/a e sveglio/a, potrai cavartela senza problemi. Queste informazioni sono il risultato di conversazioni con esperti e dell’esperienza.

1. Come vengono utilizzati:

I lacrimogeni e il pepper spray possono essere spruzzati da piccoli nebulizzatori tascabili o estintori di grossa portata. Il pepper spray può anche arrivare da proiettili di plastica che vengono sparati al torace per togliere il respiro alla persona colpita, la quale per riprendere fiato respirerà profondamente la sostanza urticante del proiettile esploso. I lacrimogeni vengono più comunemente utilizzati sotto forma di candelotto, sparati nella folla ed a volte direttamente alle persone. E’ importante che tu non prenda con le mani i candelotti senza guanti adatti perché sono estremamente incandescenti. Sappi che quando lo prenderai in mano per tirarlo, sarai fortemente esposto al fumo. A campo aperto, non perdere di vista la traiettoria del candelotto di lacrimogeno e non dare mai le spalle alle forze repressive, se pensi sia meglio indietreggiare, cammina con piccoli passi all’indietro. Continue reading Guida pratica di resistenza a lacrimogeni e pepper spray →

Tra carogne ed avvoltoi… Autogestione è sovversione!

Tema: Occupazione/Lotta per la Città
Data: 04/06/2018
Di: Amic* della RRN

Recentemente, su Rete Due, la radio della Svizzera Italiana, è stato approfondito il tema degli Spazi Culturali Indipendenti in Svizzera analizzando le situazioni di Lugano, Ginevra e Zurigo.

Nella prima puntata il conduttore Enrico Bianda ha invitato l’ospite Ludovica Molo, Architetto e Presidente dell’Associazione Architetti Svizzeri che si occupa molto da vicino di questioni di politiche urbane legate all’organizzazione del territorio. Insomma una paladina della gentrificazione, della società capitalista e della cultura dominante che anziché preoccuparsi degli spazi culturali indipendenti farebbe meglio ad occuparsi della speculazione edilizia ed i suoi conseguenti danni.

Tale paladina della gentrificazione si cimenta in una pseudo analisi completamente fuorviante sui concetti di “Spazio Culturale Indipendente” e “Centro Culturale Autonomo” citando anche l’esempio della Rote Fabrik, smentito indirettamente nel terzo servizio da Antonella Martegani, coordinatrice del quartiere 5 della città di Zurigo, che definisce “non indipendente” tale spazio in quanto fruitore di sovvenzionamenti da parte dello Stato.

Enrico Bianda sostiene la sua tesi parlando di “forme diverse di occupazioni più o meno legali”, senza entrare nel merito dello specifico dell’occupazione. È abituato ad “immaginarsi luoghi che vengono ripresi temporaneamente da associazioni che producono cultura, dopodiché qualcosa accadrà, le istituzioni o il territorio se li riprenderanno o torneranno ad essere luoghi di altro genere”. Enrico afferma poi che “fino a che non c’è pressione fondiaria la tolleranza istituzionale sembra garantire la permanenza di questi spazi, laddove gli interessi e gli orientamenti del mercato mutano cambia radicalmente l’appoggio istituzionale e prevalgono gli interessi fondiari” e “si pone anche il problema della continuità di queste esperienze in quanto non ne siamo abituati”, dice.

Il nostro caro conduttore non vuole ricordarsi minimamente di 20 anni di occupazione ed autogestione a Lugano da parte del collettivo del C.S.O.A. Il Molino. Continue reading Tra carogne ed avvoltoi… Autogestione è sovversione! →

Update sulle operazioni repressive del 29.05.18

Tema: Attualità-Repressione
Data: 31/05/2018
Tradotto da: barrikade.info

Martedì mattina (29.05.2018) alle 6:00 ha avuto luogo una coordinata azione di polizia in quattro differenti paesi europei. Le azioni erano in relazione agli eventi del vertice del G-20 lo scorso luglio ad Amburgo. In Svizzera si è arrivati – per quello che ne sappiamo – a tre operazioni contemporaneamente.

A Bremgarten sono stati perquisiti il KuZeB (Centro Culturale Bremgarten) e un appartamento privato alla ricerca di sospett*; allo stesso tempo è stata perquisita anche una casa nei pressi di Winterthur dove una persona è stata fermata. Nel corso di questa perquisizione sono state arrestate anche altre tre persone, una delle quali per mancanza del permesso di soggiorno, le altre due erano palesemente ricercate dalla polizia a causa di altre accuse non inerenti ai fatti del G20. Entrambe sono state accompagnate alla procura di Zurigo ed è stata richiesta la detenzione preventiva. Il Giudice dell’istruzione e dell’arresto deciderà nei prossimi giorni a riguardo, fino ad allora le due persone resteranno nella prigione provvisoria del posto di polizia di Zurigo (ProPoG). Continue reading Update sulle operazioni repressive del 29.05.18 →

Perquisizioni a Bremgarten

Tema: Attualità-Repressione
Data: 30/05/2018
Tradotto da: barrikade.info

Martedì mattina, come riportato dai media, è stato perquisito il KuZeB (Centro Culturale Bremgarten – nel Canton Argovia) così come un appartamento privato.

Update 30.05 – ore 16: Stando a “der Bund”, la persona fermata è stata rilasciata.

Update 29.05: Stando al giornale “der Bund”, una persona arrestata è stata interrogata dalla procura argoviese in presenza di due agenti di polizia da Amburgo. Continue reading Perquisizioni a Bremgarten →

Hackmeeting: 6-8 Luglio 2018 / Genova, LSOA Buridda

Tema: Cultura
Da: https://hackmeeting.org/hackit18/index.html

L’hackmeeting è l’incontro annuale delle controculture digitali italiane, di quelle comunità che si pongono in maniera critica rispetto ai meccanismi di sviluppo delle tecnologie all’interno della nostra società. Ma non solo, molto di più. Lo sussuriamo nel tuo orecchio e soltanto nel tuo, non devi dirlo a nessuno: l’hackit è solo per veri hackers, ovvero per chi vuole gestirsi la vita come preferisce e sa s/battersi per farlo. Anche se non ha mai visto un computer in vita sua.

Tre giorni di seminari, giochi, feste, dibattiti, scambi di idee e apprendimento collettivo, per analizzare assieme le tecnologie che utilizziamo quotidianamente, come cambiano e che stravolgimenti inducono sulle nostre vite reali e virtuali, quale ruolo possiamo rivestire nell’indirizzare questo cambiamento per liberarlo dal controllo di chi vuole monopolizzarne lo sviluppo, sgretolando i tessuti sociali e relegandoci in spazi virtuali sempre più stretti. Continue reading Hackmeeting: 6-8 Luglio 2018 / Genova, LSOA Buridda →

Visite indesiderate

Tema: Attualità-Repressione
Data: Maggio 2018
Di: Amic* della RRN

La mattina del 22 maggio la polizia politica (digos) ha perquisito simultaneamente tre abitazioni di compagni, oltre alle case dei genitori, impiegando una quindicina di agenti con il pretesto di un’indagine per alcune scritte apparse sui muri di Veronetta. In una casa dove non c’era nessuno ad aprire, la polizia è entrata facendo intervenire i pompieri, che sono entrati dalla finestra. In un’altra casa, non trovando nulla di inerente all’indagine, hanno sequestrato una pistola giocattolo da collezione ad aria compressa, denunciando due persone per “possesso di arma clandestina” (!). In generale sono stati prelevati vestiti, adesivi, materiale informativo, bombolette ed un computer. Tre compagni sono stati trattenuti in questura per diverse ore, e foto-segnalati con prelievo delle impronte digitali. Continue reading Visite indesiderate →